Mamma fa il “cambio stagione”

25 Apr

N°1 Paolo Isoni

È arrivato il momento di fare il “cambio stagione”, ormai non potevo più rimandare. Per questo motivo, approfittando del giorno festivo e dell’aiuto del papà, di buon mattino ho messo in moto tutta la famiglia come una catena di montaggio. All’ora di pranzo gli ingranaggi scricchiolavano un po’, per poi riprendere a funzionare a pieno ritmo, subito dopo una mega mangiata degna del giorno della Liberazione. Effettivamente è stato proprio un giorno di Liberazione, si, da tutti gli abiti dismessi che ormai non usavo da anni.

Fare il cambio stagione con la cucciola è stata un’impresa esilarante. Mentre io tiravo fuori vestiti ormai troppo pesanti, lei si divertiva a travestirsi mettendosi su felpe e gilet con accostamenti degni di nota. Per un attimo io e il papà abbiamo tenuto che la mise avrebbe avuto vita facile fino all’orario di appuntamento per la merenda con le amiche. Indossava un leggins viola a pois rosa e sopra una maglia rosa (abbinamento imposto). Sopra ha voluto mettere una giacchina fucsia con le strisce arancioni (già di suo molto particolare), ma non le bastava e ha voluto aggiungere uno smanicato color glicine. Non c’era comunque da stupirsi dato che di primo mattino si era voluta infilare degli stivali imbottiti sotto al pigiamino di Minnie!!! In ogni caso l’avremmo lasciata libera di scegliere l’outfit più consono ai suoi gusti in formazione ;D

Deve aver sentito troppo caldo con quell’abbigliamento da venditore di tappeti volanti, così si è spogliata quasi subito per andare a giocare dentro al suo lettino. Quando faccio qualcosa in camera, lei lo usa come box. Oggi ha deciso di usarlo come trampolino elastico e ha fatto un mega party con i suoi amici: cane, gatto, scimmietta e mostriciattolo londinese regalato dalla zia. Si è divertita particolarmente a farli fuori uno per uno, scaraventandoli in verticale giù dalla sbarra del letto, per poi dire “Oh-Oh!”. Nel marasma di maglioni, cappotti, pantaloni, calze e gonne, è riuscita a salire sul letto con le scarpe per giocare con i cuscini.

Questo è stato un contorno spassoso del glorioso cambio stagione, ma poi nel pomeriggio, una volta rimasta sola, i miei pensieri si sono concentrati sulle mie emozioni riguardo a quel che stavo facendo. Mi sono colta prima energica e più tardi malinconica.

Perché? Perché questo cambio stagione ha rappresentato realmente il cambiamento per me, il passaggio da una stagione all’altra, dall’essere una donna spensierata all’essere una madre a tutti gli effetti, irreversibilmente.

Due anni fa è stato facilissimo rinnovare il guardaroba; sopportavo solo vestiti larghi e pantaloni con la fascia per la gravidanza. L’anno scorso, altrettanto facile, ma molto più malinconico: allattavo, quindi il criterio di scelta era la comodità dell’abito rispetto all’allattamento e avevo su ancora diversi chili da perdere. Quest’anno è molto più difficile: non sono incinta, non allatto, ho perso i chili della gravidanza, ma il mio corpo non è più lo stesso di tre anni fa e la maggioranza dei vestiti che avevo messo da parte non è più adatto a me.

Ho sempre avuto difficoltà a separarmi dalle cose, soprattutto quando le investo affettivamente. Ogni singolo pezzo della collezione ha preso parte alla mia vita, ha partecipato ad un’esperienza, ha testimoniato un incontro. Con quest’alibi, ho dimenticato che le esperienze ed i legami rimangono sempre con noi, per cui ho conservato troppe cose che ormai sono giunte al termine della loro esistenza. Per facilitarmi nella separazione, ho diviso tutto in tre comparti diversi:

  • Le cose da dare via, quelle che so che non metterò più perché troppo piccole per i miei tessuti che hanno perso tonicità, perché troppo adolescenziali, perché fuori moda, perché adatte alle serate in discoteca dove non vado da una vita (per scelta, ho già dato abbastanza in due anni di pubbliche relazioni), perché inconciliabili con le mie giornate al nido e al parco giochi, perché improbabili per i movimenti di mia figlia (via tutte le magliette a fascia che lei non esiterebbe a tirar giù per vedere l’effetto che fa);
  • Le cose da dare ad un’amica, l’unica a cui potrebbero stare. Sono gli abiti che adoravo ed ora non mi entrano più. La speranza è quella di rivederli addosso a lei, per perpetuare l’illusione che alcuni ricordi non siano poi così lontani da me ora, dalla vita di adesso, l’illusione che il tempo non scorra così velocemente ed io non sia in quella fase di vita che a guardarla da fuori, da ragazza vent’enne, mi sembrava così “da adulta”;
  • Le cose da tenere, quelle comode, adatte alle nostre attività rocambolesche, alle mille corse tra lavoro, casa e giochi, alle sue smocciolate e manate piene di sugo,  e quelle con cui mi sento bene e con cui mi ricordo della mia femminilità, da mettere il fine settimana e quando mi sento di buon umore.

Sembrava facile mettere via dei vestiti, invece mi sono ritrovata a riflettere su come sia complesso accettare i mutamenti, sulla mia tendenza all’omeostasi. Il cambiamento più difficile da mandar giù è senz’altro quello relativo all’immagine corporea, quello sull’idea che abbiamo rispetto al nostro corpo, della sua forma fisica.  Si tratta di un’immagine che si costruisce nel tempo e quando ci sono cambiamenti significativi, il cervello stesso ha necessità di tempo per rendersene conto e ricrearsi una nuova proiezione (es. nel famoso “arto fantasma”). Il corpo è anche quello che ti fa da orologio e ti ricorda che comunque, voglia o non voglia, il tempo passa e le stagioni si susseguono. Diciamocelo pure,  la tartaruga degli addominali che lascia spazio ai rotolini di un bull-dog non è una gran meraviglia da metabolizzare!!! Così tocca rivedere i propri gusti, adattarli al nuovo e soprattutto accettare quel che si è adesso, nel qui ed ora, il proprio “corpo di mamma”.

Dopo tanta malinconia, ho ritrovato il senso ed il perchè di tutto ciò. Ho aperto i cassetti della cucciola e ho tirato fuori i suoi vestiti. Alcuni li ho trovati così minuscoli da chiedermi come mai fossero ancora lì. Li ho messi via come delle reliquie, inscatolati nella cassettina più bella che ho, per ricordo e perché potrebbero servire a chi arriverà nel futuro. Ho preso la busta degli indumenti nuovi e ho provato entusiasmo all’idea di farle indossare le cose “da grande”, di vedere come le stanno adesso i colori, i modelli, di vederla così come è ora, così cresciuta e cambiata. Non è più neonata, è diventata una bambina nel vero senso della parola.

Così, al termine di questo infinito cambio stagione, mi sono accorta di aver toccato con mano l’essenza del cammino, dell’andare avanti passo dopo passo, della crescita per me, per lei e per noi come famiglia che cambia pelle.

A voi com’è andato il cambio stagione?

Annunci

8 Risposte to “Mamma fa il “cambio stagione””

  1. Ida aprile 26, 2013 a 6:46 am #

    Zia (ex) londinese ti ha letta con attenzione e ti è vicina in questo nuovo (ennesimo) momento di cambiamento. Io fatico sempre ad abbandonare qualsiasi cosa e rimando di anno in anno. Poi però scopro che quando mi decido a farlo, sento un profondo senso di liberazione e leggerezza. 🙂

    • Giuseppina Mura aprile 26, 2013 a 2:23 pm #

      Grazie per la vicinanza non solo di palazzo 😀 Ecco, proprio quel senso di liberazione degli armadi ha portato un’ondata di freschezza in questa giornata uggiosa. Dopo la tendenza a mantenere sempre la stessa condizione, poi si scopre quanto si stia meglio nel passare ad un nuovo capitolo della vita.

  2. simona maggio 1, 2013 a 2:25 pm #

    anche io ho fatto IL CAMBIO DI STAGIONE per eccellenza, l’ho fatto prima di venir giù a Roma, per poter riportare a “Casa”, quella vera, i vestiti di Lorenzo che voglio conservare! I vestiti già presenti nell’armadio sono stati quasi totalmente eliminati, l’anno scorso di questi tempi allattavo e il mio corpo era ben diverso da adesso. Non mi ero comprata quasi niente, non mi riconoscevo poi tanto, non avevo neanche il tempo di pensare a come vestirmi, ero proprio sopraffatta! Quest’anno invece ho comprato con piacere, vestiti comodi figuriamoci, però colorati anzi coloratissimi. Diciamo che dopo un periodo di smarrimento mi sono ritrovata, certo la nostra vita è cambiata, però ora mi sento in grado di viverla 🙂 un bacio a tutti e tre!

    • Giuseppina Mura maggio 1, 2013 a 2:40 pm #

      Il cambio stagione ha proprio un significato denso…evviva il ritrovarsi sempre e comunque: a casa, con noi stesse, con i nostri vestiti…Grazie Simona

  3. federica maggio 2, 2013 a 9:08 am #

    Anche per me questo è stato il cambio di stagione del cambiamento… dell’accettazione del nuovo corpo da mamma. E il tuo post ha analizzato tutto con grande sensibilità… compliementi!

    • Giuseppina Mura maggio 2, 2013 a 9:34 pm #

      Ti ringrazio Federica, è sempre confortante ritrovarsi con chi sente vicino ciò che esprimi…hai già iniziato la fase di shopping o continui a rimandare con mille scuse come faccio io?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Parla tu che ascolto io

Webwriter appassionata che sta imparando ad ascoltare

Una mamma green

Un blog per mamme (e non solo) sempre in cerca di se stesse. Un blog per mamme libere dai condizionamenti e in contatto con il proprio istinto autentico

Rem tene, verba sequentur. O anche no?

ci penso dopo. [Il club delle disfunzionali]

VOLEVO FARE LA ROCKSTAR

Disquisizioni di una mamma nel mondo della psicologia

Le avventure di "Alice in Newland".

Disquisizioni di una mamma nel mondo della psicologia

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel-aka-Ivan Baio

Nasce Cresce Rompe

Il blog molto LIFE e poco STYLE di Lara Rigo

michiamoblogjamesblog

la lotta agli occhiali neri è appena cominciata...

Passavo sulla terra leggera

Disquisizioni di una mamma nel mondo della psicologia

Mo te lo spiego a papà

Disquisizioni di una mamma nel mondo della psicologia

Nonsolomamma

Disquisizioni di una mamma nel mondo della psicologia

50 sfumature di mamma

Disquisizioni di una mamma nel mondo della psicologia

handmade, 100% puro...contatto!

cultura ed educazione ad alto contatto

io-psicologa

Disquisizioni di una mamma nel mondo della psicologia

Disquisizioni di una mamma nel mondo della psicologia

Impronta di mamma

Disquisizioni di una mamma nel mondo della psicologia

Le stanze della moda

Disquisizioni di una mamma nel mondo della psicologia

Parola di Laura

Una eco mamma creativa

MammaImperfetta

Una mamma imperfetta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: